Nuovo Album

Tones on the Stones in shortlist al Fedora Prize con l’Opera di Stewart Copeland

today2 Febbraio 2021 9

Sfondo
share close

Per il secondo anno consecutivo Tones on the Stones entra nella short list del prestigioso Fedora Prize, la piattaforma che rende omaggio alla creatività e all’innovazione nel campo delle performig art per sostenere l’eccellenza artistica a livello internazionale.

Dopo essersi classificato nel 2020 al secondo e terzo posto

Dopo essersi classificato nel 2020 al secondo e terzo posto del premio internazionale con due progetti nelle categorie Opera e Digital, quest’anno il festival di arti performative e opera contemporanea che da quindici anni si svolge fra le cave di granito della Val d’Ossola entra nella prima selezione dei finalisti della categoria Opera con The Witches Seed, spettacolare opera immersiva dalle tinte horror firmata dal geniale musicista e fondatore dei Police Stewart Copeland. Prodotto da Tones on the Stones, lo spettacolo debutterà in prima mondiale nel mese di luglio del 2022 nello straordinario scenario della Cava di Roncino, ex sito industriale trasformato in un vero e proprio teatro di pietra immerso nel meraviglioso paesaggio naturale delle Alpi.

Tra i 24 finalisti del Fedora Prize – suddivisi in 4 categorie – si annoverano le più importanti realtà del panorama culturale internazionale. Complessivamente, gli italiani in shortlist sono 3, ma Tones on the Stones è l’unico finalista italiano in lizza, fra i 9 progetti selezionati nella sezione Opera.

Siamo molto felici di aver ottenuto questo riconoscimento

“Siamo molto felici di aver ottenuto questo riconoscimento da Fedora Prize. Lavorare in questa straordinaria produzione con una compagine artistica di altissimo profilo e così diversificata è un’esperienza assolutamente avvincente e creativa. Siamo orgogliosi che Tones on the Stones si stia imponendo sempre di più nel panorama internazionale per l’innovazione e l’unicità dei propri progetti. Ringraziamo quindi tutte le istituzioni, i partner, e tutto il pubblico che con tanto affetto ci segue. In attesa di incontrarci nel nostro meraviglioso teatro di pietra, invito tutti a votare!” dichiara Maddalena Calderoni, Direttrice Artistica di Tones on the Stones.

A decidere le sorti concorrerà infatti anche il pubblico, che potrà esprimere la propria preferenza a The Witches Seed direttamente sul sito della piattaforma Fedora entro il 25 febbraio 2021.

Questo il link per votare https://www.fedora-platform.com/discover/shortlist/the-witches-seed/321

Nato da un’idea di Maddalena Calderoni

Nato da un’idea di Maddalena Calderoni, The Witches Seed è il frutto della collaborazione creativa di sei grandi artisti, a partire da Stewart Copeland che ha composto le musiche dell’opera. Polistrumentista, compositore, fondatore e batterista di una band che ha fatto la storia del rock come i Police, Copeland vanta 60 milioni di dischi venduti nell’arco della sua carriera, 5 Grammy Awards e ha scritto le colonne sonore di film indimenticabili come Rusty il selvaggio di Francis Ford Coppola, Wall Street e Talk Radio di Oliver Stone e Piovono Pietre di Ken Loach. Alla creazione sonora dell’artista americano si aggiungono inoltre alcune canzoni composte da un altro nome di primo piano del pop-rock degli ultimi decenni, la cantautrice Chrissie Hynde, leader dei The Pretenders, che irrompono nella partitura come elemento di rottura nell’orchestrazione contemporanea. Le video scenografie immersive (realizzate grazie all’utilizzo delle più innovative tecniche digitali) che verranno proiettate sulle pareti rocciose della cava, sono firmate dalla concept&visual artist di fama internazionale Edvige Faini, che da anni collabora con i più prestigiosi studi di produzione hollywoodiani (ha lavorato su film come Il pianeta delle scimmie, Pirati dei Caraibi, 300 e Sin City, per citarne soltanto alcuni) e con le più rinomate game house mondiali (da concept artist ha sviluppato video giochi cult Assassin’s Creed Unity e Final Fantasy XV).

Artefice del libretto

Artefice del libretto è invece il drammaturgo britannico/irlandese Jonathan Moore, nome ben noto alle più prestigiose istituzioni teatrali internazionali e autore per la BBC, che vanta collaborazioni con compositori del calibro di Michael Nyman, Ludovico Einaudi e lo stesso Copeland.

A dirigere l’orchestra sarà l’irlandese Eimear Noone – prima donna nella storia a salire sul podio dell’orchestra nel corso della 92° premiazione degli Oscar e compositrice di alcune colonne sonore di videogiochi come World of Warcraft, tra i più venduti al mondo – mentre la regia dello spettacolo è affidata a Gianni Marras, nome di riferimento in Italia per le regie di grandi musical come Evita, Titanic e Les Miserables.

Per questa spettacolare produzione, la Fondazione Tones on the Stones conta su un network trasversale, a partire da due eccellenze nel campo della formazione: la Bernstein School of Musical Theater, leader in ambito musical, e la Nemo Academy che produrrà contenuti digitali con le più innovative tecniche di animazione ed effetti speciali. In ambito moda e design, infine, Manifattura Domodossola e l’Università di Tokyo MODE GAKUEN affiancheranno il costumista Massimo Carlotto nella realizzazione dei costumi. Tra i partner anche la prestigiosa piattaforma Virtual Circle che promuove la divulgazione in streaming delle migliori performance internazionali.

Ispirato a documenti storici

Ispirato a documenti storici, agli atti processuali degli anni della più cruenta Inquisizione e alle più affascinanti leggende delle culture montane del centro Europa, The Witches Seed è una storia di streghe, persecuzioni, illusioni e piani diabolici: tre donne, abituate a lavorar sodo, vengono accusate di essere streghe e dovranno affrontare i pregiudizi di una città infestata dalla peste, riuscendo ad evitare il peggio in un modo davvero spettacolare.

Attraverso il racconto – ambientato in un periodo storico di crisi economica, sociale e politico-spirituale dovuta alla pestilenza e al diffondersi di nuove fedi ed eresie delle accuse – della sopraffazione e della tortura di tre donne da parte della Chiesa più oscurantista, lo spettacolo sembra dunque parlare della nostra condizione attuale, in un mondo sconvolto da una crisi pandemica e sull’orlo di sprofondare in un nuovo medioevo digitale, in cui la lotta per i diritti individuali delle donne e di tutti è di fondamentale importanze per gettare le basi di una rinascita.

Tones on the Stones ringrazia il progetto Donne si fa Storia per aver supportato la Fondazione nella ricerca scientifica e nell’organizzazione di tutta la documentazione storica.

I biglietti per The Witches Seed saranno messi in prevendita nel mese di novembre 2021.

https://thewitchesseed.com/

Scritto da: WebLive TV

Rate it

Articolo precedente

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


CONTATTACI

0%